Coda fa volare il Benevento a Verona

Nell’uovo di Pasqua i tifosi del Benevento trovano tre punti fondamentali. Il Lunedì di Pasquetta è particolarmente dolce per i supporters giallorossi; la squadra di Bucchi infatti espugna il “Bentegodi” di Verona, piazzando un colpo fondamentale alla corsa play off e allo stesso tempo tiene viva la speranza di una promozione diretta, seppur molto difficile. Vittoria su un campo “storicamente” difficile e prestigioso, che cancellano la sconfitta casalinga di sette giorni fa contro il Palermo.

3 punti, 3 reti a referto, tutte timbrate da Massimo Coda. L’attaccante di Cava de’ Tirreni, spesso contestato (troppe volte anche ingiustamente) si prende la scena e aumenta il bottino di gol segnati in stagione, salendo a quota 18 nella classifica marcatori.

Come detto, la vittoria di Verona ha un duplice significato, sia per la classifica, con la squadra di Bucchi che nelle gerarchie del campionato si trova ora subito dietro le “prime della classe”, ma anche per il morale, con i giallorossi che, dopo aver dovuto digerire l’immeritata sconfitta contro il Palermo, fanno il pieno di fiducia e alzano di molto il morale dell’ambiente.

Proprio il passo falso della formazione Siciliana arrivato in serata (e costato la panchina a Mister Stellone), hanno permesso ai Sanniti di insidiarsi prepotentemente ad alta quota. Certo, il Lecce viaggia forte e spedito, ma è dovere provarci fino all’ultimo, senza troppi calcoli.

Il presente comunque dice Play off, traguardo importante che aprirebbe poi una “seconda stagione”, una sorta di campionato a parte.

A rinfrancare tifosi ed addetti ai lavori, c’è stato un Benevento sceso in campo con il piglio giusto, tatticamente ordinato, aggressivo, bravo a leggere le fasi della partita, senza mai farsi trovare impreparato dagli attacchi del Verona.

Il Benevento, così come la settimana scorsa, ha dato l’impressione di vivere un momento atletico invidiabile, soprattutto in considerazione del rush finale del campionato e per gli eventuali play off. Interessante la variante tattica proposta da Bucchi: dal 4-3-1-2 iniziale, si è passati quasi subito ad un 4-4-2 più compatto, dove le corsie esterne avversarie sono state quasi completamente bloccate, non permettendo agli esterni Veronesi di alzare il baricentro della squadra.

Il duo offensivo “pesante” ha dato ottime risposte: oltre al già citato Coda, mattatore di giornata, va segnalato un Armenteros in costante crescita, sicuramente arma in più per l’allenatore dei Sanniti da qui alla fine della stagione.

Adesso subito testa al match casalingo di venerdì contro il Cosenza, per certificare la posizione di classifica, con un sguardo interessato alle gare di sabato Pescara-Verona, Spezia-Perugia, e soprattutto Lecce-Brescia, che potrebbe stravolgere ulteriormente i pensieri e i sogni dei tifosi del Benevento

Fabrizio Maselli

Fabrizio Maselli

Appassionato di tutto ciò che concerne il mondo dello spettacolo, in particolare quello che è impresso su pellicola; passerebbe le giornate in una sala buia col fascio di luce a proiettare sullo schermo. Cinema quindi, ma anche eventi sportivi (il calcio è pur sempre l'unica religione che non ha atei) lo distraggono dalla “routine contabile”.