Benevento vs Venezia: “È la somma che fa il totale!”

Antonio de Curtis, il principe della risata, nel fim “Toto, Fabrizi e i giovani d’oggi” del 1960, in un dialogo fra i protagonisti, spara un capolavoro di frase tutt’oggi è ancora utilizzata: “È la somma che fa il totale!”. Parto proprio da questa citazione per celebrare una splendida giornata calcistica per la compagine giallorossa di Mister Bucchiil tanto contestato, anche oggi…

Ma in realtà sta avendo sempre più ragione. Potremmo dargli torto? Siamo in piena zona play off sin dall’inizio campionato e Mister Bucchi accortosi che il suo iniziale 3-4-3 non funzionava, ha avuto il coraggio di cambiare tendenza e iniziare a collaudare un 3-5-2 che sta dando i suoi ottimi frutti.

Certo, passi falsi ce ne sono stati… Ma ricordate il Benevento di Marco Baroni, campionato serie B 2016/2017, l’anno della promozione in serie A? 27esima giornata lo scontro interno con il Bari, terminato 3 a 4 per i pugliesi, diede il via a un ciclo negativissimo; bisognò aspettare la 33esima giornata per vedere di nuovo il Benevento vincere… poi sappiamo tutti com’è andata a finire.

Dopo il 3-0 di oggi contro il Venezia possiamo dire che noi siamo ancora lì, nella parte alta della classifica, la zona che conta. Abbiamo giocatori che farebbero invidia a qualsiasi altra compagine; una tifoseria che ha dimostrato di essere all’altezza delle tifoserie dei grandi club; abbiamo un presidente facoltoso, generoso e “passionale” che negli anni ha dimostrato il suo attaccamento alla squadra e alla nostra città.

E allora che dire!? cerchiamo di essere speranzosi, restiamo calmi, diamo fiducia a Bucchi e ai calciatori, proviamo ad avere il coraggio di aspettare e godiamoci il Benevento partita dopo partita, anche soffrendo perche alla fine “È la somma che fa il totale”!

Tommaso Delli Veneri

Tommaso Delli Veneri

Sembra un colpo di fulmine, l'attimo, in cui gli sguardi si incrociano ed immediatamente c'è feeling tra lui e lo studio radiofonico; da allora scatta una sorta di innamoramento nei confronti di questo strumento comunicativo ed insieme vissero per sempre "felici e contenti".